Aprendo una pagina a caso da…

Jane Eyre, Charlotte Brontë, Rizzoli BUR, pag. 434

Quando Saint-John se ne andò, cominciava a nevicare; la neve continuò a cadere tutta la notte e il giorno seguente un vento gelido portò con sè un’accecante tormenta. Verso sera la vallata era quasi impraticabile. Avevo chiuso le imposte e steso una stuola dalla parte interna della porta per evitare che la neve penetrasse in casa e dopo essere rimasta circa un’ora accanto al fuoco ad ascoltare la furia della tempesta, accesi una candela e cominciai a leggere Marmion:
Il sole tramontava dietro i castelli di Norham
Dietro le belle rive della Tweeed profonda,
Dietro i solitari monti di Cheviot.
Le forti torri, il mastio
Le mura che a difesa le circondano,
Tutto brillava di una luce gialla.

La musicalità dei versi mi fece dimenticare la tormenta.

(Drupal 02.09.2007)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: