Aprendo una pagina a caso da…

Un indovino mi disse, Tiziano Terzani, Superpocket, pag. 286

Alle quattro del pomeriggio Leopold e io salutammo tutti e sbarcammo. Eravamo in Cambogia, liberi di andare dove volevamo…ma senza un visto d’ingresso. Quello sarebbe stato un problema al momento di ripartire, pensai. Il problema più urgente era andare a Phnom Penh.

Fra Kompong Som e la capitale ci sono 296 chilometri, la strada, asfaltata, è una delle migliori del paese, ma proprio perchè ci passano gran parte dei rifornimenti è anche la più insicura. Soldati governativi travestiti da Khmer Rossi, Khmer Rossi veri e semplici banditi mettono un tronco in mezzo all’asfalto, svuotano i camion e derubano le macchine. Ogni tanto, per farsi rispettare, ammazzano un paio di persone.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: