“Il male” – recensione filosofia

Rüdiger Safranski, Il male, Longanesi, 2006, 310 pag., 22 Euro

Cos’è il male? Presenza demoniaca o mancanza d’essere? La tradizione culturale occidentale opta per la seconda ipotesi già con Agostino e l’uomo ridotto ad essere unidimensionale. Oppure, con Schelling e Schopenhauer, nel rinnegamento del bisogno metafisico. O, in seguito, con la degradazione dell’uomo asservito a scopi egoistici teorizzato da Kant, il cui perfetto contraltare, per Safranski, sarebbe Sade e il piacere inteso come fruizione di persone-oggetti. Fin qui all’interrogazione iniziale ha risposto la filosofia rinvenendo legami di senso dove ne manchino. E cosa dire invece dell’arte? Rüdiger Safranski le attribuisce la capacità di dare significato al potente silenzio della natura che minaccia l’uomo di estinzione. L’artista, quindi, cerca di superare la naturale tendenza alla dissoluzione insita nelle cose sostituendola con un mondo altro nato dalla fantasia. A questo proposito Safranski ricorda anche che, per Hannah Arendt, la menzogna diventa centrale nella creatività e nei rapporti tra gli uomini: chi mente sa bene come stiano le cose ma le presenta in modo diverso per andare oltre la realtà e occultarla per i propri fini. Fino al raggiungimento del parossismo di Hitler secondo cui le masse vogliono “credere alle bugie più sfacciate”, imitando la figura di Mefistofele che, pur godendo davanti alla distruzione, deve tuttavia arrendersi al cospetto dell’onnipotenza della vita e alle sue risorse salvifiche.     

*********************************************************************      

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: