“La madre al figlio” – Sapphire

La madre al figlio – Sapphire

Va bene, figlio, te lo voglio dire:

Per me la vita non è stata una scala di cristallo.

Ci sono stati chiodi,

Assi divelte,

Chiazze di pavimento senza tappeto –

Nude.

Ma in qualunque momento,

Sempre, mi arrampicavo,

Salivo sui pianerottoli,

Giravo gli angoli,

E qualche volta mi trovavo al buio

In un punto non raggiunto dalla luce.

Perciò, figlio mio, non volgerti indietro.

Non metterti a sedere sui gradini

Perché pensi no, no, è troppo dura.

Non cadere adesso –

Perché, figlio, io cammino ancora adesso,

Io mi arrampico ancora,

E la vita per me non è stata una scala di cristallo.

2 Comments

  1. philomela997 said,

    October 24, 2011 at 3:39 pm

    Un ottimo consiglio non solo per un figlio ma per chiunque….. solo che chi offre consigli (inclusa una madre) non deve pretendere che venga seguito!

    • pamelablog said,

      November 6, 2011 at 10:03 pm

      Ciao Philomela,
      scusa se ti rispondo solo ora e grazie per il tuo gradito commento con il quale peraltro concordo. Credo inoltre che l’autrice, condividendo l’indole di molti altri poeti, tratteggi la propria lirica rivolgendosi sopratutto alla sua persona e magari anche alla bambina che un tempo è stata, scoprendosi felice e orgogliosa di essere riuscita a sopravvivere alle tante intemperie e difficoltà incontrate nel corso della vita, cercando contemporaneamente di risanare le ferite dell’infanzia e dell’esistenza come se fosse la madre di se stessa.
      Questa, almeno, è la mia interpretazione…
      Ciao,
      Pamela🙂


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: